Terzo raduno della Rete EcoSardi.

 
Ritorno a BauMela dal 1° al 14 settembre
 

 Due settimane tra partecipazione, laboratori, attività pratiche, scambio e festa. Questi gli ingredienti del 3° raduno dei gruppi ed individui che da un anno animano la Rete EcoSardi (vedi programma dettagliato in basso).

È passato infatti un anno esatto dal primo raduno a BauMela (Santu Lussurgiu, 3- 5 settembre 2010), quando tante persone con ideali e pratiche comuni per una vita più ecosostenibile e a misura umana si sono ritrovate – e riconosciute – per tessere insieme i fili della nascitura Rete.
Fin dall’inizio l’approccio di costruzione di questa piattaforma è stato “dal basso”, ovvero a partire dalle reali necessità e proposte delle persone che hanno partecipato, sarde per origini o per amore per questa Terra: già dal primo raduno si sono messi in campo strumenti di facilitazione e progettazione partecipata, come l’Open Space Technology e i Cerchi della Parola. Da allora è nata una mailing-list che ha tenuto i contatti, e in pochi mesi si è passati da 100 partecipanti al Raduno a più di 300 iscritti online: tantissimi hanno proposto attività, organizzavano o partecipavano a eventi, piccoli raduni, riunioni per la creazione di ecovillaggi, workshop, feste, scambi di lavoro, mezzi, conoscenze e ospitalità… più di un migliaio di messaggi in un anno!
 
Al secondo raduno della Rete a La Traessa (Luogosanto, 1-3 luglio 2011) si sono iniziate a tirare le fila (a “trasformare il latte in cagliata”, per dirla con Alessio e Clara, che ospiteranno il raduno): si sono formati gruppi di lavoro pratici su alcuni dei temi che muovono e appassionano la Rete, come lo scambio dei semi, gli orti sinergici condivisi, l’autocostruzione con tecnologie alternative, la scuola reciproca, la creazione eco villaggi.

 
Nata da una forte esigenza espressa a La Traessa, è stata pubblicata di recente sul blog degli EcoSardi (http://reteecosardi.blogspot.com/) la versione beta della mappa virtuale della Rete, che indicizza e permette la ricerca e visualizzazione di case “aperte”, comunità, eco-campeggi, orti condivisi, Custodi dei Semi e quant’altro il micro-mondo dell’ecosostenibilità dell’isola presenta. La mappatura è appena cominciata, una grande cartina della Sardegna resterà per tutta la durata del raduno allo scopo di raccogliere in maniera analogica le informazioni di chi vorrà “mapparsi”.
Ora a BauMela si cercherà di soddisfare l’esigenza di consolidare la piattaforma partecipata della Rete, condividendo e rendendo poi “pubblici” i principi, le attività e l’organizzazione alla base della costruzione di una Sardegna e, perché no, un mondo ecosostenibile. È proprio questo uno degli scopi del terzo raduno della Rete EcoSardi: “ora che da tanto buon latte s’è fatta la cagliata, è tempo di trasformarla in formaggio!”

PROGRAMMA del 3° RADUNO RETE ECOSARDI
BauMela (Santu Lussurgiu), 1°-14 settembre 2011
Dal 26 al 28 agosto –Weekend di preparazione del raduno
Campo di preparazione degli spazi del raduno della Rete
Allestimento spazi tende, cucina, aree di lavoro e toilette
, segnaletica.
Dal 1° al 4 settembre – Fare la Rete EcoSardi
Queste giornate sono il cuore del raduno della Rete, per le quali è richiesta la massima partecipazione visti i temi importanti che saranno affrontati.
Giov. 1/9 – ultimazione dei preparativi per il radunoVen. 2/9 – accoglienza e cerchio di benvenuto
Sab. 3/9 – attività partecipative di conoscenza, mappatura e inter-connessione
Dom. 4/9 – costruzione della piattaforma partecipata della Rete (principi, valori, organizzazione)
Dal 5 all’8 settembre – Campo BauMela
In queste giornate si potrà sperimentare concretamente cosa significhi vivere a pieno lo spazio e il tempo in un contesto rurale, seguendone i ritmi naturali e lavorando insieme per realizzare strutture utili ai nostri ospiti, anche dopo il raduno della Rete.
Preparazione orto sinergico, realizzazione compost-toilet permanente, costruzione muri a secco e terrapieno, raccolta e trasformazione frutta selvatica, costruzione forno a legna.
Dal 9 all’11 settembre – Saperi in Rete
Tre giorni per scambiare e confrontare saperi, con workshop e laboratori teorico-pratici proposti dagli stessi EcoSardi:
  • COLTIVARE: la conservazione e trasmissione dei semi – Rete sarda Custodi dei Semi
  • COLTIVARE: come realizzare orti sinergici
  • CO-ABITARE: gli ecovillaggi – conoscere sé e l’altro, condividere e convivere
  • RIFLETTERE: la transizione verso il doposviluppo – laboratorio di pensiero eco-compatibile
  • MANGIARE e CONSERVARE: la cucina con erbe spontanee
  • MANGIARE e CONSERVARE: la panificazione con pasta madre
  • PRENDERSI CURA: le proprietà delle erbe spontanee – laboratorio itinerante a BauMela
  • CORPO IN MOVIMENTO: laboratori di tai-chi chuan, danza, yoga e massaggi
Per partecipare ai workshop dei Saperi in Rete (9-11 sett.) è gradita la prenotazione, per dare la possibilità a chi condurrà di organizzare gli appropriati spazi e materiali.
É possibile inoltre inserire nuovi workshops relativi a conoscenze o pratiche che volete condividere! (vedi contatti)

Dal 12 al 14 settembre – Festa della Luna
Il 12 è notte di Luna piena, chiunque voglia è invitato a contribuire alla preparazione e al godimento dei 3 giorni di festa… lasciando BauMela pulito e con tante belle energie!

Cosa portare a BauMela:
  • tenda / camper*
  • sacco a pelo
  • teli impermeabili
  • torce elettriche (al limite candele)
  • piatto, bicchiere, tazza, posate, tovagliolo
  • cibo e bevande biologici e/o autoprodotti (anche da cucinare in comune)
  • prodotti fatti in casa
  • semi da scambiare
  • oggetti da scambiare, vendere, regalare
  • strumenti musicali
  • telo da mare (bagno in cascata o doccia all’aperto)
  • stuoia o cuscino per sedersi
  • abbigliamento comodo e sportivo (scarpe incluse), cambi per il caldo del giorno e per il freddo della notte
Cosa NON portare:
  • prodotti alimentari da discount/grande distribuzione
  • plastiche usa e getta
  • saponi e detersivi non biodegradabili
  • cibo o bevande nè biologici nè autoprodotti
  • pregiudizi!
La partecipazione al Raduno è GRATUITA a parte un contributo volontario in cibo o dividendo le spese vive. È IMPORTANTE che il cibo utilizzato sia biologico e/o autoprodotto dai partecipanti, dunque in caso di necessità alcuni prodotti saranno acquistati direttamente da produttori locali.

Il terreno è grande e pieno di alberi e ruscelli, valli, rocce e animali…
Saranno allestiti degli spazi tenda, per chi non la avesse c’è la possibilità di alcuni alloggiamenti di fortuna (ad esempio la grotta della cava).
Anche se i lavori di preparazione (aperti a tutti!) sono finalizzati a realizzare tutti i servizi fondamentali, bisognerà comunque adattarsi a uno stile di vita un po’ spartano, e se necessario aiutare ad allestire ulteriori spazi.
É possibile arrivare prima di settembre (in particolare per la preparazione della location) e ripartire dopo il 14.

Si cercano volontari! Avremo bisogno della collaborazione di tutti, ecco alcuni dei compiti per una buona riuscita del Raduno:


Preparazione (26-27-28 agosto+1 settembre):
Gestione (durante il Raduno):
  • pulizia aree parcheggiabili e stradine x raggiungerle
  • pulizia e appianamento aree per accamparsi
  • segnalazione sentieri con pezzetti di stoffa e cartelli
  • allestimento cucina
  • costruzione compost toilet
  • gestione dell’acqua
  • risoluzione dei problemi
  • Guida per trovare il posto e parcheggiare
  • Cucinare
  • Lavare i pentoloni
  • Fare la spesa
  • Babysitting
  • Trasportare cose e cibi
  • Illuminazione notturna
  • Workshop
  • Risoluzione dei problemi!

Per iniziare a dare la vostra disponibilità potete contattare gli organizzatori per telefono (vedi contatti sotto)
Amici, parenti e curiosi che abbiano voglia di cucinare durante il primo weekend verranno riccamente ricompensati!

PER ARRIVARE
Baumela si trova a Santu Lussurgiu (OR), sul Montiferru, e si raggiunge facilmente in auto e in bus.
Per chi arriva in automobile, partendo dall’uscita sud del paese di Santu Lussurgiu, percorrete la Strada Provinciale 15 (direzione Bonarcado) per un chilometro e mezzo, subito dopo la madonnina svoltate a destra nella strada asfaltata bianca (dov’è il cartello dell’agri-campeggio “Elighes Uttiosos”) e percorretela per un altro chilometro e 700 metri, fino a uno slargo sulla sinistra e a un ingresso con cancello a destra.
Dal cancello, seguite i fiocchetti di stoffa che segnano il sentiero fino all’area del raduno!
IMPORTANTE: parcheggiate lungo la strada asfaltata
fuori dal cancello.
Per chi arriva in bus c’è una fermata delle linee ARST (corse da Oristano, fermata Sos Molinos), seguite poi a piedi le indicazioni qui sopra. Buona passeggiata nella natura!
Qui il linkper la visualizzazione dell’ingresso dalla SP15 su Google Maps.
CONTATTI
Per richieste, proposte di attività e laboratori:
Logistica, “Festa della Luna”: Alessio – 335.6236719;Weekend di preparazione del raduno, attività “Campo BauMela”: Luigi – 349.7594075;Attività “Fare la Rete Ecosardi”: Silvia – 327.6677490;Laboratori e workshop “Saperi in Rete”: Riccardo – 329.8034671.

INCONTRIAMOCI IN SARDEGNA QUESTO MESE

Ciao carissimi amici. Lancio un invito per incontrarci dato che con molti di voi ci siamo per ora solamente scritti via mail. Da metà aprile in avanti si farà un esperienza di vita insieme in Sardegna nel terreno di amici. Allego l’invito dell’evento in privato a chi è interessato.

Vivremo nella natura e dormiremo in tenda in un luogo indescrivibile. E’ anche un occasione per intrecciare una rete di conoscenze e progetti in corso. Uniamoci e condividiamo i nostri percorsi. E’ questo il tempo! 

A presto, Will.

Hello dear friends. Launch an invitation to meet us. From mid April onwards will be an experience of living together in Sardinia in the land of friends. I enclose the invitation of the event for those interested in private.
We will live in nature and sleeping in a tent in a beautiful place. It ‘s also a chance to weave a network of knowledge and ongoing projects. Let us join together and share our paths. The time is now! See you soon, Will.

aggiornamento – riflessione

Cari amici che seguite il blog vi scrivo per aggiornare chi ci chiede a che punto siamo, se c’è un terreno, ecovilaggio, comunità o che altro… per adesso non c’è assolutamente nulla di fatto materialmente, non c’è terra, non c’è idea di dove prendere terra, non c’è gente…. O meglio di persone interessate ce ne sono tantissime, voi che ci scrivete, vorrei se avessi tutte le vostre autorizzazioni rendere pubbliche le vostre mail per far si che chi è interessato a vivere in gruppo ecc.. possa intrecciarsi da se e non aspettare i miei tempi e le mie dimenticanze…

Adesso ci troviamo in Sardegna e qui è bellissimo anche climaticamente e ci sono bellissime persone interessate a vivere nell’ecovillaggio, e, grazie ad un ragazzo, Myst, già esiste un forum della rete degli ecosardi che per chi si iscrive ci sono mail da parte di altri membri come noi, che scrivono per condividere saperi, progetti di vita comune, conoscenze di terre in vendità o comodato, far girare notizie, promuovere conferenze, ecc…

Tante cose insomma… fare raduni, feste!!! Come la festa dello scambio scorsa, ecc…

 

Link: http://reteecosardi.forumup.it/index.php?mforum=reteecosardi

 

Inoltre sto ripensando ai requisiti che dovrebbero avere i membri della comunità descritta in questo forum…. Per quanto io possa pensare che l’uomo sia fruttariano naturalmente, e ne sono convintissima tutt’ora, ci stavo ripensando al chiudere le porte a chi magari non è ehretista ma ha un grande cuore e voglia di mettersi in discussione, insomma anche per me certe notti o certe cene con amici sono di difficile gestione e ci sta di mangiarsi del miglio con zucchine o asparagi selvatici soffritti… insomma quel che dico è che non è funzionale la rigidità mentale. Ci precludiamo un sacco di belle persone solo perché <<aaahhh mangi la rucola cosa stai facendoooo!!!!>> oppure chi si mangia pane e poi sta male, come me stasera…. Perché è facile puntare il dito contro… rendiamoci conto che la persona che puntiamo non è altro che il nostro specchio…. Per esempio …Se non voglio uno che mangia focaccia nell’ecovillaggio è perché in lui vedo me e mi faccio schifo e ho paura di venire in qualche modo influenzata dalle mie stesse voglie di… focaccia! Insomma non è l’altro veramente che mi istiga, che è negativo per me… se io dentro di me non avessi il dubbio, se fossi serena e consapevole, felice fiera delle mie scelte, non me ne importerebbe un fico secco di stare a tavola con persone che si fanno calamari fritti mentre io digiuno… per dire… abbiamo un motivo per fare quello che facciamo? Lo sto dicendo anche a me stessa… che credete… io amo la frutta, amo il cielo, la vita, le persone, la musica, l’universo, gli animali…molte volte vedo alcune persone o certe industrie, avvenimenti, mi viene da pensare che vada tutto da schifo il mondo, ecc.. e non comprendo il disegno dell’universo… ma l’accetto perchè ho fede e qundi …io non ho paura

E poi diciamocelo nella vita non esiste solo la frutta, ci sono le relazioni umane e gli universi invisibili, gli esseri di luce, i viaggi notturni….. e le persone che hanno queste esperienze o conoscenze cosa credete che siano brethariani o fruttariani… macchè molti non sapranno nemmeno cosa vuol dire vegetariano… ciò che si mangia è una parte del tutto… ma c’è altro… comprendiamo l’essenza non l’involucro.

Non voglio istigare nessuno a farsi spaghetti al sugo, vorrei far riflettere che sarebbe ora che basassimo i rapporti umani sul rispetto e l’amore, sul non voler cercare di cambiare le persone o le cose a tutti i costi… sul vedere ciò che di splendido ha l’essere davanti a noi, sul riconoscere in lui noi stessi e ringraziarlo per averci dato l’opportunità di specchiarci in lui e conoscerci meglio.

Perciò non abbiate paura di scrivermi che mangiate carne del supermercato o che lavorate in un postaccio a Milano… va bene così, io non giudico voi. Semmai dovessi farlo io sto additando me stessa.

Scrivetemi tutti perciò, scrivete quello che volete, in che città vi trovate, la vostra mail, che cosa vorreste fare – progettare – offrire – chi o cosa cercate.

Pubblicherò tutti voi qui nel blog e poi vi contatterete da soli.

Un abbraccio, Mira.

L’energia della Sardegna

Sono Will, in Sardegna da novembre. Sto valutando di fermarmi qui per l’energia dinamica e vitale che ho avvertito su quest’isola.
Mi sono imbattuto in una rete di anime in risveglio sia dalla città che già attive in campagna. 
Questi amici e tutta la loro creatività, vitalità nell’arte sono quanto di più prezioso a mio avviso nella prospettiva della scelta di un luogo.
Nella zona di San Gregorio nel sud est della sardegna c’è una casa disabitata da più di 10 anni grande, con spazio per orto, in un luogo isolato e indescrivibile nella sua bellezza, sulla cima di una vallata montuosa, esposizione soleggiata e vista su vallate verdi e mare da una posizione molto alta.
Un luogo metafisico in una zona dove molte famiglie di amici hanno deciso di fare vita contadina.  Metterò presto foto nel blog.

 Se proponessimo un progetto al comune invece di occupare la casa,
 potremmo anche ricevere sovvenzioni. La rete di amici qui in sardegna è più intrecciabile
 che in tutte le zone d’italia che ho visitato nei miei viaggi e per questo ho scelto di
fermarmi qui e realizzare qualcosa qui. Molte sono le opportunità. Consiglio agli
interessati di venire qui per un periodo. Molti sono i punti di appoggio dove stare.

Chi volesse informazioni mi chiami direttamente. Il mio numero è 3454577458.

A presto, Will

Raduno fruttariano italiano dal 27 dicembre al 6 gennaio

Se ci siamo scritti via mail, ma non abbiamo ancora avuto modo di incontrarci, questo incontro sarà una bella occasione per conoscerci. Confronteremo le nostre ricerche, i nostri progetti in corso e le nostre esperienze e conoscenze.

 

Il RADUNO FRUTTARIANO ITALIANO di capodanno è uno dei 4 appuntamenti annuali di tuti i fruttariani, o tendenti fruttariani, in Italia.

È ovvio che almeno la festa più fredda dell’anno conviene passarla nel posto più caldo d’Italia.

Lo spirito di base è quello del fruktifest mondiale:rilassarsi e divertirsi in mezzo alla natura, condividendo alcuni giorni di un embrione di SOCIETÀ DEL FUTURO, dove come alimentazione si porterà solo frutta (non porteremo niente di diverso da frutta; come al fruktifest, quando il fruttarismo si fa tutti insieme è facilissimo; al limite, chi non ce la dovesse fare a solo frutta, ma almeno dopo averci provato, può uscire e consumare cose diverse da frutta, ma fuori dal terreno), e le attività saranno tutte naturali, dal dormire in mezzo alla natura (in tenda: saremo proprio nella punta più a sud della Sicilia, a circa 100 km sotto la punta nord dell’Africa, praticamente un caldo africano), ad escursioni nei boschi, alla raccolta tutti insieme dei frutti selvatici, ad una eventuale passeggiata sull’Etna, a prendere il sole sui prati od al mare, a bagni di fiume, lago o mare, ecc.

La sera ci divertiremo tutti insieme, anche con chitarre, bonghi ecc. (per chi ha uno strumento musicale è l’occasione buona per portarlo).

Ognuno sarà indipendente per quanto riguarda la frutta (si potrà comprare anche nei paesi vicini, ma conviene portarsela almeno per i giorni iniziali), la tenda, l’acqua (portarsi bottiglie piene, se finisce si può riempire dalla fontanella di paese), e gli accessori.

Lo scopo del raduno fruttariano è anche quello di unire tutte le idee per creare ecovillaggi fruttariani in Italia, e per creare una società naturale (fruttariana) ai tropici, dove finalmente si potrà vivere senza più la schiavitù primitiva dei prodotti artificiali, dai vestiti, alle case, al lavoro, ai soldi, alle macchine, ecc.

Per partecipare basta mandare un sms il prima possibile (dando il proprio nome, email e cellulare) a questo numero di telefono: 329-7681774, col numero di persone (anche orientativo) con cui si verrà.

Ai partecipanti verrà mandato un’email con le istruzioni per arrivare al terreno del raduno.

Spargete la voce e auguri a tutti J

Riflessioni

Cari amici e compagni che seguite il blog di Will e Mira, scrivo oggi per aggiornarvi.

Alla luce delle recenti esperienze “fuori dal continente” contemporanee alla lettura dei libri sul Transurfing, Tantra e quant’altro, nonchè all’incontro di personaggi interessanti, abbiamo ripensato nuovamente al progetto e ne stiamo valutando dei miglioramenti.

Ho scritto e cancellato più volte prima di aggiornare oggi il blog, questo perchè è un periodo di grandi cambiamenti, movimenti interiori. Quello che scrivo oggi potrebbe non essere valido domani. Quindi questo non è proprio un aggiornamento!!

Tutto intorno a me è sacro in questo gioco della vita, pappagalli verdi mangiano datterini sulla palma, anatre strappano erba e con quel loro movimento della coda così dolce vanno in giro… il cielo è blu e le altalene sono senza bimbi, libere per lasciarmi dondolare veloce, per essere inghiottita dal cielo, accarezzata dal vento fresco, per spiccare un salto che è quasi come volare, e poi veloce su verso l’albero di carrube che mi accoglie silenzioso tra le sue braccia forti e mi sento protetta.. ed è tutto bellissimo.

Sperimento la solitudine che si manifesta nella comunione con il mondo.

A presto con nuovi aggiornamenti, Mira.

Lista di ricerca sinergica

Argomenti da approfondire grazie al contributo di ognuno:

 

·          Valutare zone per l’acquisto terreni e proporre. Studio della lettura paesaggistica nella scelta di un luogo: essa si fonda sull’ osservazione di indicatori. In particolare, la vegetazione fornisce informazioni sulla fertilità del terreno, la disponibilità idrica e il microclima. Qualsiasi informazione utile ci aiuterà a valutare con attenzione il terreno in questione. Nella scelta di un terreno, una mappa accurata è di grande aiuto nella progettazione: rivela le vie d’acqua, la vegetazione, i tipi di terreno, la loro struttura geologica, le vie d’accesso e un gran numero di altre informazioni essenziali o utili.

·          Influssi geopatogeni e più in generale studi di radioestesia. Strumenti per valutare tali energie. Studi effettuati sulla rete di Hartman, le ley line, sulla rete di Curry, che attraversano il globo. Come mappare i luoghi ad alta energia del nostro pianeta facendo tesoro della conoscenza ereditata da popoli antichi.

·          Proposte per l’acquisto di terreni disponibili e aspetti legali e catastali. Valutare il comodato d’uso, donazioni da parte dell’Unione Europea a fondo perso, altro.

·          Tecniche agricole: Permacultura, Fukuoka e quant’altro. Di grande aiuto persone che hanno sperimentato “sul campo”.

·          Compost e fertilizzanti naturali, tutto quel che si riesce a sapere.

·          Come reprire i semi, salvaguardarli, mantenerli. Reperite semi di varietà antiche e in generale raccogliete i semi della frutta che mangiate.

·          Sistemi alternativi per ricavare energia (x computer, cellulare) da etere, aria, acqua ecc. e per riscaldarci, senza dipendere dall’esterno.

·          Sistemi che generano campi elettrici o magnetici atti a incrementare o favorire la crescita delle colture e influssi vibrazionali benefici come musicoterapica agricola.

·          Traduzioni testi da/in inglese, francese, spagnolo: chi ha praticità con una lingua può offrire aiuto all’occorrenza.

·          Ricerca all’estero: esperienze ai tropici (asia, centro e sud america…), esempi di ecovillaggi o gruppi crudisti fruttariani, sistemi di compromesso per l’accettazione dei visti nel lungo periodo, valutazione dei pro e contro e consigli circa zone specifiche.

 

Se avete altre voci da aggiungere scriveteci.

 

 

ENGLISH Topics to be explored thanks to the contribution of each:

 

 

· Take areas to buy land and propose. Study of reading the landscape in the choice of a place: it is based on ‘observation of indicators. In particular, the vegetation provides information on soil fertility, water availability and microclimate. Any useful information will help us to carefully evaluate the land in question. When choosing a property, an accurate map is a great help in the design: it reveals the waterways, vegetation, soil types, their geological structure, access roads and a host of other essential information or useful.

 

· Geopathogenic influences and, more generally, studies of dowsing. Tools to evaluate these energies. Studies carried out on the network of Hartman, the ley line network of Curry, who cross the globe. How to map the sites at high energy of our planet from the treasure of knowledge inherited from ancient civilizations.

 

° Best for the purchase of available land and legal issues and land. Assess the loan for use, donations from the European Union to fund lost more.

 

· Agricultural techniques: permaculture, Fukuoka and more. Very helpful people who have experienced “the field”.

 

Is composed and natural fertilizers, all that you can know.

 

• How punish the seeds, protect them, keep them. Found the seeds of old varieties and generally collect the seeds of the fruit you eat.

 

· Systems for alternative energy could be extracted (x computer, mobile phone) from ether, air, water, etc.. and for heating, without depending on outside.

 

· Systems that generate electric or magnetic fields which enhance or promote the growth of crops and the effects of music therapy as a vibrational agricultural benefits.

 

· Translations texts from / into English, French, Spanish: who has practiced with a language can offer help when needed.

 

· Research Abroad: experiences in the tropics (Asia, Central and South America …), examples of eco-villages or groups Fruitarians raw foodists, systems for the acceptance of the compromise seen in the long-term evaluation of the pros and cons and advice about specific areas . 

 

If you add more items to write.

 

 

Descrizione dettagliata del progetto – detailed project description

There are two versions of this text in two languages:
1 – Italian
2 – English

casanostra.jpg

 

ITALIAN VERSION   Progetto di Will e Mira – EMAIL: rawvegan@email.it  

 

CHI SIAMO

 

Siamo una coppia che ha deciso, negli ultimi anni, di svincolarsi dai molti condizionamenti culturali, sociali, economici che riducono in schiavitù l’essere umano cosiddetto “civilizzato”. Stiamo facendo un percorso personale per ridurre al minimo i consumi e gli sprechi portando consapevolezza nelle azioni e nelle scelte quotidiane.

 

Cerchiamo di seguire il più possibile uno stile di vita igienista ed ehretista, che comprende un’alimentazione fruttariana crudista, esercizio fisico, meditazione, sole e aria pulita. Evitiamo droghe e stimolanti, pratichiamo digiuno quando il corpo lo richiede, come mezzo per ritrovare la salute, e cerchiamo di frequentare ambienti armonici nella natura dove c’è molta energia vitale.

Abbiamo fiducia nei nostri propositi e nelle nostre capacità.

 

Siamo stati in viaggio in Italia (e in Asia 5 mesi) con soluzioni di scambio lavoro, facendo esperienza agricola e imparando molto dalla relazione con la natura, con gli esseri umani e con gli altri animali. 

Attualmente stiamo valutando terreni in Italia.

  

 

LO SCOPO

 

Staccarsi definitivamente dal contesto urbano e non dipendere più dai bisogni indotti, tra i quali i soldi. Essere autonomi e autosufficienti dal mondo esterno, nel vero senso della parola, per approvvigionamento acqua, cibo, oggetti utili, abitazioni-rifugi e infine vivere di raccolta e autoproduzione in un contesto a impatto ecologico al minimo.

Tuttavia senza rinunciare a mezzi di comunicazione come il computer con internet o elettrodomestici eventuali (torcia, centrifuga, frullatore, ecc..) funzionanti con pannelli ad energia solare.

 

 

IL LUOGO

 

Cerchiamo un luogo in pianura o collina, immerso nella natura con una bassa densità di popolazione nei dintorni e nella regione, magari vicino ad una montagna dalla quale scaturisce un fiume da cui avere acqua a valle. Situato vicino ad un bosco e lontano da eventuali risorse che potrebbero interessare a fini economici. 

È preferibile che vi siano già molti alberi da frutto e una terra fertile per coltivare in un luogo soleggiato e protetto da correnti forti. Il luogo non dovrebbe essere interessato ad operazioni di aerosol clandestine (chemtrails). Un opzione alternativa potrebbe essere quella di unirsi ad una comunità già esistente, qualora ci trovassimo bene insieme.

 

 

ATTIVITA’

 

Desideriamo attuare la permacultura, senza sfruttare né animali né piante, ma aiutando a ricreare ecosistemi funzionanti e prediligendo una fauna antropica (animali che possano integrarsi autonomamente). Per noi piante, animali e uomini sono considerati alla pari, senza discriminazioni di nessun tipo. Rispettiamo la vita armonica delle piante volendo condividere il loro linguaggio extrasensoriale. Si potrà agevolare la crescita delle piante con sistemi benefici ed energetici (a questo proposito si legga “La vita segreta delle piante” di Peter Tomkins).

 

Uno stile di vita semplice, libero da molte delle stimolazioni sensoriali che ci avvelenano nella realtà civilizzata, porterà a raggiungere la salute del corpo e dello spirito, risveglierà pienamente la nostra coscienza in questo importante periodo che stiamo vivendo. Il tutto senza sentimenti di privazione. Ma cercando di percepire sempre l’abbondanza, la comodità.

Noi puntiamo all’ autosufficenza energetica al 100% anche raggiunta nel tempo. Quindi inizialmente potremmo usufruire di servizi comunali per erogazione gas o energia elettrica.

Un potenziale di guadagno minimo potrebbe attuarsi attraverso piccole vendite, artigianato vario o seminari. A offerta libera potremmo tenere incontri, corsi, anche progettando una casa della salute.

 

La terra ci donerà quanto necessario per il sostentamento fisico e spirituale. Coltiveremo da seed-savers molte varietà antiche da proteggere.

Il sistema agricolo dev’essere autosufficiente. Minimo disturbo del suolo. Rimboschimento impiantando foreste e macchia per proteggere il suolo.

Piante e animali forniranno spontaneamente combustibile, concime, lavoreranno il terreno, controllando insetti nocivi e infestanti, permetteranno il riciclo delle sostanze nutritive, l’arricchimento dell’habitat, l’aerazione del suolo, la prevenzione degli incendi e dell’erosione e così via. Il tutto senza alcuno sfruttamento.

 

Disporremo gli elementi del sistema (casa, frutteto ecc.) secondo la frequenza d’uso e di manutenzione.

Potremmo disporre alberi alti e di media altezza con uno strato inferiore di cespugli e piante erbacee. È molto importante organizzare il sistema in modo da ridurre al minimo la competizione per l’acqua e la luce.

Strette associazioni di specie raggruppate attorno a un elemento centrale (pianta o animale) operano principalmente in relazione all’elemento centrale favorendone la crescita, facilitandone la gestione e mitigando eventuali fattori ambientali avversi.

 

Si possono coltivare piante per proteggere il suolo dall’erosione e per fornire sostanza organica. Di solito si utilizzano le colture tappezzanti nei giovani frutteti, negli orti e nei campi durante la stagione fredda e talvolta sono sovesciate prima della fioritura e dell’emissione di semi. Il sovescio consiste in piante sotterrate nel terreno per aumentarne la fertilità, per es. leguminose.

 

Un elemento importante dell’orto è lo stagno che, anche se di piccole dimensioni, può essere utilizzato  come rifugio per le rane predatrici d’insetti. Gli specchi d’acqua modificano la temperatura dell’aria anche attraverso l’evaporazione. Piccoli laghi, stagni o bacini possono essere moderatori climatici efficaci, in particolare nelle aree aride.

L’acqua piovana raccolta è il migliore accumulatore di calore esistente.

 

In permacultura, l’esposizione viene presa in attenta considerazione in modo da trarne i maggiori vantaggi possibili. I pendii soleggiati, per esempio, sono particolarmente indicati per gli alberi da frutto e l’abitazione, perché in essi si registra il maggiore calore possibile in inverno.

 

Le barriere di piante frangivento sono usate da lungo tempo per proteggere case, animali e colture dai venti e sono le più efficaci nel controllo del microclima.

Gli alberi decidui piantati lungo il lato sud ed est della casa permettono al sole di riscaldare l’abitazione durante i mesi più freddi, senza che le foglie facciano da schermo. D’estate, invece, ombreggiano la casa impedendo che i raggi del sole colpiscano il tetto. Alcuni graticci, coperti di piante rampicanti sono usate da sempre per coibentare muri e tetti.

Per fornire calore, possiamo addossare la serra alla casa.

La frescura presente in grotte, cisterne di mattoni, rifugi antincendio e scantinati risulta molto utile per l’immagazzinamento e la conservazione di una gran varietà di alimenti.

 

Con la sostanza organica compostata concimeremo alberi e arbusti. I gabinetti a secco (compost toilette) o a fossa non utilizzano acqua e forniscono sostanza organica compostata che può essere utilizzata per concimare alberi e arbusti.

 

 

COME ARRIVARCI

 

Stiamo valutando un luogo adatto all’essere umano frugivoro con viaggi in luoghi mirati per esplorare zone, realtà culturali, ambientali, ecc..

L’unione fa la forza. Anche se per ora siamo dislocati quà e là, grazie a internet possiamo tenerci in contatto e scambiarci informazioni. Vorremo che ognuno di noi interessati partecipasse attivamente o da casa (con ricerche da libri o internet) o viaggiando (per esempio recandosi in campagna per visitare terreni, centri di permacultura, di coltivazione di varietà antiche, o quant’altro, incluso incontrare persone che possano fornire informazioni ed esperienze utili. Ognuno può dare un occhio ai terreni nelle campagne a lui vicine. Analizzando i pro e i contro (cacciatori, terreni limitrofi trattati con la chimica, ecc.ecc..)

 

A parte è pubblicata una lista delle tematiche da approfondire nelle quali possiamo tutti contribuire. Teniamoci aggiornati via mail. 

Tutte le nuove informazioni possono essere diffuse nel blog pubblico sotto comune accordo, omettendo eventualmente nomi e luoghi specifici, oppure possono essere diffuse agli interessati senza renderle pubbliche sul web. Decideremo in base ai casi.

 

Chiunque specificherà di voler o non voler diffondere info utili al progetto o ricevere mail da noi verrà ascoltato e rispettato. 

  

CHI CERCHIAMO

 

Cerchiamo persone apolitiche e non legate alle istituzioni religiose o fanatiche di chiesa (CL, ecc..) o quant’altro di istituzionale, che vogliano partecipare attivamente al progetto e vorremmo creare un gruppo. Persone con uno spirito gioioso e avventuroso. Umili, oneste e fiduciose nelle leggi universali della natura vivente. Persone che, come noi, si sono rese conto del grande inganno cui siamo soggetti (avvelenamento del cibo, dell’acqua, dell’aria, propaganda di farmaci, vaccini e alimenti non idonei all’essere umano, elettro smog, signoraggio bancario, ogm, haarp, minaccia nucleare ecc..) e dei pericoli che si corrono rimanendo all’interno del “sistema” e dei contesti urbani.

 

Persone interessate ad ascoltare l’essere psichico in noi, la nostra guida spirituale.

 

Non vogliamo asservirci al potere, che ci riempie di illusioni per comprare il nostro consenso con un irreale benessere.

 

Se i nostri propositi vi appaiono ambiziosi, abbiate il coraggio e volontà di credere in voi stessi e nelle vostre capacità. In tal modo si può rendere possibile questo viaggio di risveglio della coscienza. Per sviluppare un amore vero e puro è necessaria una trasformazione. Le vecchie abitudini andranno abbandonate per il nuovo e questo è doloroso. L’imprevedibilità dell’ignoto tende a portarci verso ciò che ci è familiare, dato che ci da apparenti garanzie, perciò va operata una scelta decisa per maturare verso una vera indipendenza.

 

Consideriamo la frutta il cibo adatto all’uomo. I cadaveri e i cibi morti sono dannosi stimolanti, al pari del fumo o dell’alcool. Per essere lucidi e svegli evitare l’uso di sostanze che creano dipendenza.

 

Preferibilmente l’alimentazione dei partecipanti al progetto sarà in direzione del vegan crudismo, cioè frutta e verdura.

 

 

NOTA IMPORTANTE

 

Noi crediamo nell’uguaglianza di ogni essere e per questo fra di noi non ci sarà alcuno che avrà in qualche modo più potere di un altro membro. Se una persona possiede di più e deciderà di sua spontanea volontà di mettere in comune beni come soldi, frutta, casa, abilità particolari o quant’altro, per questo non dovrà aspettarsi nulla in cambio in quanto verrebbe a crearsi una situazione di debito nei suoi confronti. Nessuno sarà in debito con qualcun’altro. La cooperazione fra di noi è fondamentale e non ha nulla a che vedere col debito ma si basa sull’onestà, sull’amicizia e sul rispetto reciproco. Non si devono nascondere le proprie idee o dubbi con gli altri.

Di preferenza i soldi investiti per il progetto verranno divisi equamente.

 

Chi e’ interessato a unirsi al nostro viaggio e al nostro progetto invii una mail a questo indirizzo rawvegan@email.it   

Tel. (+39) 3397734004

Essendo in viaggio non avremo sempre occasione di controllare la mail, quindi potremmo rispondervi in ritardo.  Aggiornamenti in questo blog.: http://rawvegan.myblog.it/

 

A presto, Mira e Will

 

 

 

 

ENGLISH VERSION   Project of Will e Mira – EMAIL: rawvegan@email.it  

 

 

ABOUT U.S.
 
We are a couple who have decided, in recent years, to free itself from the many cultural, social, economic obligations that enslave the human being so-called “civilized”. We are making a personal path to minimize consumption and waste by bringing awareness on the actions and daily choices.
 
We try to follow as possible a hygienist and Ehretist lifestyle, which includes raw food,  fruitarian diet, exercise, meditation, sunshine and clean air. We a
void drugs and stimulants, practice fasting when the body requires, as a means to regain health, and we try to attend harmonious environment in nature where there is vital energy.
We make confidence in our intentions and our capabilities.
 
We travelled in Italy (and 5 months in Asia) with solutions of exchange work, making agricultural experience and learning a lot from the relationship with nature, with humans and other animals.

We are currently evaluating land in Italy.
  
 
AIM
 
Detach itself permanently from the urban context and no longer driven by the needs, including money. Be autonomous and self-sufficient from the outside world, in the true sense of the word, to supply water, food, useful objects, houses, shelters and finally to live with and self in a context with minimum ecological impact.
However, without giving up media such as computer and internet or any electrical appliances (torch, centrifuge, blender, etc. ..) that work with solar panels.

THE PLACE

We are looking for a place in the valleys and hills, surrounded by nature with a low population density in the area and the region, perhaps next to a mountain from which flows the river to get water downstream. Situated near a forest, far from any resources that may be of interest for economic purposes.
It is preferable that there are already many fruit trees and fertile soil to grow in a sunny spot protected from strong currents. The site should not be concerned with clandestine operations of aerosols (chemtrails). An alternative option would be to join a community that already exists, if we were good together.

ACTIVITY ‘

We want to implement permaculture, without exploiting or animals or plants, but helping to create functioning ecosystems and fauna preferring a man (animals that can integrate themselves). For us, plants, animals and men are treated equally, without discrimination of any kind. We respect the harmonious life of the plants wanting to share their extrasensory language. It will facilitate the growth of plants with beneficial energetic systems (in this regard it should read “The Secret Life of Plants” by Peter Tomkins).

One simple way of life, free from many of the sensory stimulations that poison in the civilized reality will lead to achieving a healthy body and spirit, our consciousness will awaken fully in this important period we are living. All this without feelings of deprivation. But trying to always feel the abundance, comfort.
We aim to ‘energy self-sufficiency at 100%, also reached in time. So initially we could take advantage of municipal services to supply gas or electricity.
A minimum earning potential could be implemented through small sales, various crafts and workshops. With free offer we could hold meetings, courses, even planning a home health care.

The land will give us what is necessary for the physical and spiritual sustenance. Grown for seed-savers many old varieties to be protected.
The agricultural system must be self-sufficient. Minimum disturbance of the soil. Reforestation by planting forests to protect soil and stain.
Plants and animals will spontaneously fuel, fertilizer, working the soil, controlling pests and weeds, will allow the recycling of nutrients, habitat enrichment, soil aeration, fire prevention and erosion and so on . All without any exploitation.

We will have the elements of the system (home, orchard, etc..) Depending on frequency of use and maintenance.
We have tall trees and of medium height with a lower layer of shrubs and herbaceous plants. It is very important to organize the system so as to minimize competition for water and light.
Close association of species grouped around a central element (plant or animal) operate mainly in relation to the center of encouraging growth, making it easier to manage and mitigate any adverse environmental factors.

You can grow plants to protect soil from erosion and provide organic matter. Usually ground cover crops are used in young orchards, gardens and fields during the cold season and are sometimes green manure before flowering and seed issue. The green manure plants is buried in the soil to increase fertility, for example. legumes.

An important element of the garden is the pond, although small, can be used as a refuge for frogs predators of insects. Bodies of water affect the temperature of the air through evaporation. Small lakes, ponds or basins can be effective climate moderators, especially in arid areas.
Rainwater harvesting is the best heat storage unit exists.

In permaculture, the exhibition is taken into consideration in order to derive the greatest benefits possible. The sunny slopes, for example, are particularly suitable for fruit trees and the house, because they hold the greatest possible heat in winter.

The barriers are used for windbreak plants for a long time to protect homes, livestock and crops from the wind and are the most effective in controlling the microclimate.
Deciduous trees planted along the south and east of the house allow the sun to heat the house during the coldest months, the leaves do without a screen. In summer, shading the house, preventing the sun’s rays hit the roof. Some mats, covered with climbing plants are traditionally used to insulate walls and roofs.
To provide heat, we can shift the greenhouse to the house.
The coolness in these caves, cisterns of brick, fire shelters and basements can be very useful for storing and maintaining a variety of foods.

With composted organic matter to fertilize trees and shrubs. The dry toilets (compost toilet) or do not use pit water supply and composted organic matter that can be used to fertilize trees and shrubs.

 
HOW TO GET THERE
 
We’re looking at a place suitable to the human frugivores with trips to places to explore targeted areas, cultural, environmental, etc. ..
Unity is strength. Even though for now we are scattered here and there, thanks to the internet we can keep in touch and exchange information. We would like all of us are actively engaged or home (with research from books or internet), travel (for example by going to the countryside to visit the land, permaculture centers, cultivation of traditional varieties, or anything else, including people who meet can provide useful information and experience. Everyone can take a look to land in the countryside close to him. Analyzing the pros and cons (hunters, adjacent land treated with chemicals, etc. etc. ..)

A party will publish a list of themes to be explored in which we can all contribute. Let’s keep updated via email.
All new information can be disseminated in public blog under mutual agreement, failing any specific names and places, or they can be disseminated to interested parties without making them public on the internet. We will decide based on the cases.

Anyone want to specify or do not want to disseminate useful information to the project or receive mail from us will be heard and respected.
  
WHO WE ARE LOOKING FOR

We look for people apolitical and not related to or fanatical religious institutions of the church (CL, etc. ..) or anything else of institutions, which wish to participate actively in the project and would like to create a group. People with a joyful and adventurous spirit. Humble, honest and trusting in the universal laws of living nature. People who, like us, have realized the great deception which we are subject (food poisoning, water, air, propaganda of drugs, vaccines and food unfit for human being, electro smog, bank seigniorage, GM , HAARP, nuclear threat, etc. ..) and the dangers of remaining within the “system” and in an urban setting.
 
People interested in listening to the psychic being in us, our spiritual guide.
 
We do not want to enslave to power, which fills us with illusions to buy our agreement with an unreal being.
 
If our intentions will appear ambitious, have the courage and will to believe in yourself and in your abilities. In this way you can make possible this journey of awakening of consciousness. To develop a true and pure love is needed transformation. Old habits need to be abandoned for the new and this is painful. The unpredictability of the unknown tends to lead us toward what is familiar, since there apparent guarantees, so it made a strong choice to mature towards true independence.
 
Consider the fruit food suitable to humans. The corpses and dead foods are harmful stimulants, like smoke or alcohol. To be lucid and awake to avoid the use of addictive substances.

Preferably the power of the project participants will be in the direction of the vegan raw food fruits and vegetables.

IMPORTANT NOTE
 
We believe in equality of all beings and therefore among us there will be some that will have somewhat more power to another member. If a person has more of his own free will and decide to pool assets such as money, food, home, special skills or whatever, she should not expect anything in return because it would create a situation of debt in its comparisons. No one will be in debt to someone else. Cooperation between us is fundamental and it has nothing to do with debt, but is based on honesty, friendship and mutual respect. You do not have to hide their ideas or concerns with others.
Preferably, the money invested in the project will be divided equally.

Who is’ interested in joining our journey and our project to send a mail to this address rawvegan@email.it
Tel (+39) 3397734004
Being on the road we have always been an occasion to check the mail, so we could respond late. Updates in this blog.: Http://rawvegan.myblog.it/
 
Best regards, Mira and Will